La Storia di Elisabetta.

Ci colpito un pò tutti.
Quando è arrivata la mail che annunciava la sua nascita eravamo tutte in sede, e ci siamo guardate un pò stranite: che si fa? Al lavoro. E subito.
Abbiamo cercato nelle scatole le cose già pronte, abbiamo pensato di coinvolgere le persone più vicine, quelle che avrebbero potuto mandarci le cose più in fretta, ognuna di noi ha messo sù qualcosa, la sera stessa, una coperta, un cappellino, un vestitino.
E in un paio di giorni è partito un pacco per lei.
Era il 14 dicembre.


Sono passate le vacanze di Natale, ci siamo ritrovate in sede, fra le altre mille cose da dirci, e lei, Elisabetta?


Ieri ho avuto notizie.
Che riporto qui, con grande soddisfazione, con grande gioia, commossa, come se una piccola parte in tutta la sua storia, l’avessimo anche noi.
Un pochino, sì.

” Ciao, volevo comunicarti che proprio oggi, nel primo pomeriggio sono arrivati la nuova mamma mamma e il nuovo papà della piccola Elisabetta. Quante emozioni, la sua nuova mamma ha cominciato a piangere solo alla vista del suo piccolo lettino. Rimarrà con noi ancora qualche giorno, per metà della settimana prossima, dovrebbe iniziare la sua nuova vita, con dei genitori stupendi che si prenderanno finalmente cura di lei, come solo una mamma ed un papà sanno fare.

Grazie ancora per il vostro aiuto, purtroppo capita più spesso di quanto si creda che dei bimbi vengano abbandonati, soli in un grande ospedale senza capire il perché la loro mamma non li ha voluti…….tante storie tutte diverse e sempre molto tristi. Per fortuna questa tristezza svanisce quando due genitori, senza sapere se è maschio o femmina arrivano in reparto per conoscere il loro bambino.


 Io penso che bisognerebbe considerare quel giorno, il giorno della loro nascita, come quando un bimbo nasce e conosce la sua mamma. 

Mi piacerebbe se è possibile, ma sicuramente ci riuscirete, creare dei ” corredini” per dei principi o delle principesse come Elisabetta. 

Un sacco nanna, un cappellino, delle scarpine, una copertina, un golfino e magari un pupazzetto da stringere forte forte…..Dici che è possibile? Mi piacerebbe avere dei pacchettini da poter utilizzare subito appena nati, così da fagli sentire che non sono soli!!!!

Scusa se mi sono dilungata, un grosso bacio e buona notte
L.

Tutte le cose che continuano ad arrivare per Elisabetta saranno inviate all’Ospedale, che provvederà a farli avere alla nuova famiglia e a lei, Principessa del Cuore, Principessa di Dicembre.
Annunci

8 pensieri su “La Storia di Elisabetta.

  1. Forse un giorno Elisabetta saprà tutto questo e i suoi nuovi genitori sono certa che le daranno tutto l'amore di cui ha bisogno.
    L'idea di creare un corredino iniziale è bellissima ma allo stesso tempo un po'triste perchè vorrà dire che un altro piccolino è stato lasciato solo….
    Non serve giudicare serve solo prendere in mano i ferri e creare qualcosa che dovrà scaldare un tenero piccolino.
    Cinzia N. Varese

    Mi piace

  2. Che bella storia…
    Io in fondo penso che non sono soltanto bimbi lasciati soli…sono bimbi cui è stata data una grande chance, quella di una famiglia che li desideri e li ami veramente.

    Mi piace

  3. Che bella storia!! Spero anch'io un giorno di trovarmi nella situazione dei nuovi genitori di Elisabetta….e magari di trovare il miobambino/la mia bambina vestita con un “cuore di maglia”!

    Mi piace

  4. sono molto contenta che elisabetta abbia una mamma e un papà che la coccoleranno e le daranno tanto amore…quando a dicembre ho letto la storia di principessa di dicembre non smettevo di piangere…per fortuna elisabetta ora non sarà più sola, le auguro una vita piena di gioia e serenità.

    Mi piace

  5. ho in lavorazione un sacco nanna….cercherò di metterci meno tempo possibile!!!!!potrei fare un acaappellino e anche un paio di scarpine calde calde.Tutto con la stesa lane melange..contentissima per Elisabetta.Le auguro tutto il bene di questo mondo.Pac

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...